Ricerca semplice documenti
17 novembre 2017
Licenziati per decreto! Il 20 novembre sciopero delle concesisonarie autostradali. Calandra (Fillea Cgil): "Un'operazione assurda: migliaia di licenziamenti e sicurezza autostradale a rischio"
17 novembre 2017
fillea cgil piacenza




PIACENZA – Ignorando gli accordi presi con i sindacati al tavolo interministeriale aperto da Mit e Mise, è stato bocciato l'emendamento Borioli-Esposito che abbassava dall'80 al 60% la quota dei lavori delle manutenzioni autostradali da mettere a gara. Se approvato, quell’emendamento avrebbe consentito di affidare alle società controllate dalle concessionarie autostradali il 40% dei lavori di manutenzioni e progettazione. Senza quell’emendamento, 3mila operai e tecnici specializzati ora rischiano di essere licenziati.


L’incoerenza della politica oggi ha tirato la volata alle lobbies, stigmatizziamo il comportamento di quella parte della maggioranza, di tutta l'opposizione e dell'Ance, incuranti delle pesantissime ripercussioni occupazionali.

I lavoratori delle concessionarie autostradali, compresi quelli in forza a Piacenza non ci stanno, e con le sigle unitarie di categoria, FILLEA, FILCA e FENEAL, proclamano uno sciopero per l'intera giornata lunedì 20 novembre, con presidio in piazza Montecitorio dalle ore 10.30, per chiedere alle forze politiche e al Governo di rivedere la posizione sull’emendamento e a a Mise e Mit di convocare immediatamente il tavolo permanente.
"Si sta gettando via una specializzazione industriale e di progetto come quella dei lavoratori delle concessionarie - spiega Filippo Calandra, segretario Fillea Cgil Piacenza - rischiamo una elusione contributiva e retributiva e l’aumento dell’ insicurezza tra gli utenti della rete autostradale e la perdita di competenze nel comparto della progettazione e manutenzione delle autostrade. E' un'operazione assurda, miope. Da Piacenza andremo a Roma a far sentire la nostra voce".









 
Videogallery
Photogallery
Agenda
Link
Comunicati stampa