Ricerca semplice documenti
03 ottobre 2017
L'EUROPA INIZIA A LAMPEDUSA - 3 ottobre: Cgil, ricordare vittime ma intervenire per fermare strage 
03 ottobre 2017
foto lampedusa cgil piacenza 3 ottobre
“Oggi ricordiamo le oltre 360 persone morte nel naufragio di Lampedusa di quattro anni fa e tutti i migranti, uomini, donne, bambini, che hanno perso la vita in mare nel tentativo di conquistare un futuro migliore. Ma il ricordo non basta, lo diciamo da tempo: per fermare la strage occorre una politica europea comune che intervenga sia con il salvataggio che con l'accoglienza". Così il segretario confederale della Cgil Giuseppe Massafra in occasione della Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione.

"L'Europa fortezza, dei muri e del filo spinato, degli accordi di esternalizzazione dei migranti con i paesi dell'Africa Subsahariana, - prosegue Massafra - l'Europa che a parole esprime solidarietà a paesi come Italia e Grecia, ma che non riesce a stilare nuove regole e un piano di intervento comune, non rende giustizia ai valori su cui è stata fondata".

Per questo la Cgil chiede di cambiare strada. "Si stralcino gli accordi con Paesi terzi che non garantiscono il rispetto dei diritti, e che per fermare i flussi finiscono con il favorire organizzazioni criminali. Si riattivino le operazioni di ricerca e salvataggio e si smetta di ostacolare e denigrare il lavoro delle ONG, fondamentale per questo scopo. Si aprano corridoi umanitari che permettano l'ingresso legale e sicuro nel nostro Paese e in Europa e si utilizzino i fondi della cooperazione per una vera cooperazione, e non per militarizzare le frontiere".

Massafra conclude affermando che "ricordo e cordoglio non possono ridursi alla pura retorica chiamata in causa in giornate come quella di oggi. In mare si continua a morire, è bene tenerlo a mente mentre il dibattito sull'immigrazione e sui diritti dei migranti, come è avvenuto in occasione dell'iter parlamentare della legge sullo ius soli, si trasforma sempre più in una discussione spinta alla deriva da populismo e vene securitarie che alimentano paura e rifiuto".

3 ottobre a scuola
 

Per il secondo anno, il MIUR ha realizzato una specifica progettualità – denominata “L’Europa inizia a Lampedusa”- proprio al fine di contribuire a sviluppare la sensibilità, la solidarietà e la consapevolezza civica delle giovani generazioni nei confronti di tali emergenze. Il progetto ha come tearget tutti e 28 i Paesi dell’Unione Europea.
Tra le varie iniziative legate al progetto è stato bandito un concorso rivolto alle scuole italiane e degli altri Paesi Europei invitando gli studenti del terzo e quarto anno delle scuole secondarie di secondo grado ad affrontare e discutere sui temi dell’interdipendenza globale e sui diritti umani,
sul tema delle migrazioni e dei diritti dei migranti, dei rifugiati e dei richiedenti asilo in virtù dei principi del diritto umanitario internazionale ed europeo.
Il concorso ha previsto la produzione di opere ed elaborati, realizzati utilizzando le diverse tipologie della comunicazione (p.e. scrittura, disegno, anche fumettistico).
Sono pervenute più di 230 opere, da tutta Europa, e sono stati selezionati 35 lavori di scuole italiane.
Le opere vincitrici saranno esposte nella “sezione giovani” del Museo della Fiducia e del Dialogo, che ha sede nell’Isola di Lampedusa, con l’intento di raccogliere da tutta Europa pensieri, testimonianze e opere creative che interpretino l’idea di solidarietà e di incontro tra i popoli, fondati sulla reciproca fiducia.

Alle celebrazioni del 3 Ottobre a Lampedusa prenderanno parte anche il Presidente del Senato Pietro Grasso e la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli.

Videogallery
Photogallery
Agenda
Link
Comunicati stampa